Non temete per noi, la nostra vita sarà meravigliosa

9788804644293Una lista di nozze insolita è il motore di un intero progetto di vita di due giovanissimi medici milanesi: loro sono Gianluigi Rho e Mirella Capra, zii dell’autore, che negli anni Settanta decidono di sposarsi e di lasciare Milano per aprire un ospedale in Uganda.

«La lista di nozze comprende 22 letti per adulti, 9 lettini per bambini, culle per neonati, lenzuola, elettrocardiografo, microscopio, lettino operatorio, lampada operatoria, attrezzi per la chirurgia. Deve servire ad arredare la loro nuova casa, un minuscolo ospedale in mezzo a una savana molto arida, terra rossa e pochi arbusti spinosi, nel Nordest dell’Uganda. L’ospedale non esiste ancora e quel posto, chiamato Matany, non l’hanno mai visto, è solo un cerchietto rosso su una cartina.»

Questo è l’inizio di Non temete per noi, la nostra vita sarà meravigliosa, l’ultimo libro di Mario Calabresi, direttore de «La Stampa» che ha voluto raccontare la fiducia e la speranza verso il futuro attraverso storie di ragazzi che hanno avuto il coraggio di affrontare le difficoltà e prendere in mano la propria vita.

Non una generazione di “sdraiati” e “bamboccioni” dunque, ma giovani che ce la mettono tutta per riuscire a spuntarla in un momento storico di crisi che lascia tutti allo sbando. Creatività e forza di volontà diventano i fattori per riuscire ad arrivare dove si vuole. E così Mario Calabresi racconta le “storie di ragazzi che non hanno avuto paura di diventare grandi”: da Elia, pescatore genovese che decide di innovarsi e abbandonare la vecchia lampara di suo padre per lanciarsi in nuove tipologie di pescato, a Bianca, giornalista e blogger che intraprende un’avvenutra legata al mondo vinicolo e all’oriente, a Peter, ragazzo africano che riesce a frequentare la facoltà di medicina e a vincere una borsa di studio per un master a Londra che gli permetterà di dirigere i progetti del Cuamm, in Uganda.

Esperienze e vissuti che spaziano dall’Italia all’Africa e viceversa e che fanno immedesimare il lettore nei racconti, fatti di realtà e sensazioni che si percepiscono sulla pelle. Storie vere e drammatiche che servono a far riflettere sui veri valori della vita e sulla possibilità di mettersi in gioco per conquistare e raggiungere sempre nuovi traguardi.

Mario Calabresi sa certamente raccontare in modo semplice ma appassionante il quotidiano di terre difficili che affrontano fame, guerriglie e piaghe come Aids e Ebola. Gianluigi e Mirella sono due esempi da seguire, due giovani che hanno avuto il coraggio di lasciare tutto per aiutare le popolazioni più bisognose con vaccinazioni, insegnamenti delle basilari norme igieniche, assistenza alle partorienti e così via. Un modo per dimostrare che se altri sono in grado di superare tutto questo, allora anche noi possiamo superare i piccoli o grandi problemi che incrociamo sul nostro cammino.


Categories: Attualità, Libri, Narrativa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *